[Attenzione! finché dura l’emergenza Covid-19, il rifugio Papa – come tutti i rifugi alpini – è chiuso. Ricordati i panini!]

Ci sono giornate di sole che si aspettano da anni per fare quella camminata, conquistare quella cima o fare quella ferrata… ma c’è anche chi aspetta giornate di tempo variabile per compiere proprio quel sentiero!

E così è successo a noi con la Strada delle 52 Gallerie… ma andiamo con ordine.

Lo sapevi che alle elementari insegnano ancora la Storia? Ebbene sì, ci sono ancora insegnanti così testardi che non rinunciano a voler insegnare la storia ai ragazzi, e pensa che ce ne sono addirittura alcuni che cercano anche di farli appassionare a quegli episodi che hanno fatto grande la nostra nazione!

Ed è così che mia sorella minore è venuta a conoscenza della Strada delle 52 Gallerie e ci ha chiesto di portarla a vederle.

Siamo sul Pasubio, storico baluardo posto come una vedetta tra le province di Trento e Vicenza: una postazione strategica di fondamentale importante durante la Prima Guerra Mondiale e, ancora oggi, luogo di indiscutibile fascino.

Ingresso 52 gallerie

Cos’è la Strada delle 52 Gallerie?

Si tratta di una mulattiera militare costruita durante la Prima Guerra Mondiale per permettere il transito di soldati, armamenti e rifornimenti. Che rispondono a questa descrizione ci sono però almeno un milione di sentieri lungo le nostre montagne, dove sta la particolarità?

Il fatto è che questo strada è un vero e proprio capolavoro di ingegneria militare: 52 gallerie di grandezza variabile si susseguono per una lunghezza di circa 6 km tra roccia scavata e tratti a mezza costa. Un’impresa resa ancora più epica dai tempi di costruzione: solamente 10 mesi.

I fasti dell’ingegneria militare unita al cuore tutto italiano.

Conosciuta anche come la “Strada della Prima Armata”, fu costruita nel 1917 dal Capitano Motti e progettata dal Tenente Ing. Zappa. Da subito venne definita come “un risultato di tenace volontà, lavoro esemplare, sacrificio, abnegazione”. Se queste parole non ti suonano esagerate sai bene di che spirito stiamo parlando.

Nessun’altra opera su europea è riuscita ad eguagliare questo lavoro di incommensurabile grandiosità.

mulattiera sentiero delle 52 gallerie

Il sentiero 366 attraverso la Strada delle 52 Gallerie

Le previsioni non sono delle migliori e il tempo si preavvisa incerto: è la nostra occasione. Mia sorella, nonostante ci abbia chiesto di accompagnarla, per tutta l’estate non ha voluto saperne di rinunciare ad una giornata di mare con le amiche. Tempo incerto e stabilimenti balneari chiusi: Pasubio arriviamo!

Parcheggiamo la macchina nei a una certa distanza dall’ampio parcheggio a pagamento. Nonostante siano le 8 del mattino di un giorno qualunque di fine estate, i tornanti sono già ingombri di auto parcheggiate, per cui non ci azzardiamo neanche a proseguire fino al parcheggio a pagamento.

Iniziamo la salita lungo la strada asfaltata, ma in poco arriviamo all’imbocco del sentiero: un moderno portale d’ingresso annuncia l’inizio della Strada delle 52 Gallerie. Personalmente non amo troppo l’inserimento di questo tipo di strutture in montagna ma, data la risonanza internazionale di questo percorso, per una volta chiudo un occhio.

Bastano pochi tornanti per imboccare la mulattiera vera e propria e la prima emozionante galleria scavata nella roccia. Il buio si fa denso e il freddo ci coglie di sorpresa mentre avanziamo a tentoni cercando di immedesimarci nell’atmosfera vissuta da chi, nel 1917, qui ha rischiato la vita.

sentiero delle 52 gallerie con bambini

Già dalla prima galleria sappiamo che sarà impossibile non contarle… saranno davvero 52?

Fortunatamente ci siamo tutti dotati di pila frontale e felpa e, da questo momento in poi, sarà tutto un: accendi la pila e metti la felpa, spegni la pila e togli la felpa. Ma soprattutto un “occhio a dove metti i piedi”, “attenta a non scivolare”, “fai attenzione alla testa qui”, “guarda che panorama” e “metti via il telefono”.

Scorci sentiero 52 gallerie con cane

Continua la conta anche se, nel 1991, sulla sommità di ciascun ingresso l’ANCR di Vicenza ha apposto una targa di marmo con il numero in progressione. Noi però abbiamo una missione: siamo in esplorazione e dobbiamo verificare non ci siano stati errori (o almeno così cerco di raccontarla a mia sorella, che ovviamente non ci casca neanche per un secondo!).

Ogni volta che sbuchiamo fuori da una galleria, ci troviamo a percorrere un sentiero a mezza costa che alterna i verdi scenari dei monti circostanti ai vertiginosi picchi su roccia. Uno scenario mozzafiato visto da un ballatoio naturale.

La salita, come si dice, “non molla mai” anche se è piuttosto costante, ma la vera fatica si fa all’interno delle gallerie, a causa dei numerosi tratti scivolosi e dell’insistente oscurità che richiedono di prestare attenzione.

Alcune delle gallerie infatti sono particolarmente lunghe – una misura addirittura 320 metri di lunghezza – ed è possibile vedere gli avamposti dove i militari osservavano l’avanzare della linea nemica.

A quota 1842 mslm il sentiero procede quasi in piano sopra la zona dei Vaj che sboccano sulla strada fino alla quota massima di 2000 mslm, che incontriamo fuori dalla galleria 48 (sì, stiamo continuando a contare).

strada delle 52 gallerie

Il Rifugio Papa

Intravediamo quindi il coloratissimo Rifugio Papa (1928 mslm). Scherziamo sul fatto che in queste zone – tradizionalmente avvolte da nebbia e nuvole a bassa quota – la scelta di colorare di giallo il rifugio sia quanto meno azzeccata.

(Memorabile a tal proposito la ferrata che si svolge proprio sopra al Sentiero delle 52 Gallerie: il sentiero attrezzato Falcipieri. L’abbiamo fatta qualche anno fa, un weekend d’autunno che proprio non volevamo passare in casa. Bellissimo e suggestivo poter osservare dall’alto le gallerie comparire e scomparire nella roccia, ma una nebbia così in montagna non ci era mai successa! Per dare l’idea: riuscivamo a mala pena a distinguere i moschettoni giallo fluo!)

49, 50, 51 e… 52 gallerie! All’appello ci sono tutte!

galleria numero 52

Ci fermiamo nel prato poco sopra al Rifugio Papa per ammirare il panorama, far riposare le gambe e addentrare i nostri meritati paninazzi.

È l’ultimo giorno di apertura del Rifugio e le stanze sono gremite, ma dopo la fatica della salita ci concediamo uno sfizio: un piatto di patatine fritte (per me), una birra (per Davide) e una fetta di torta (per mia sorella)… a ciascuno il suo!

Sulla facciata del Rifugio Achille Papa sono incastonate alcune lapidi e il comunicato della battaglia del 2 luglio 1916, giorno in cui l’Esercito Italiano respinse a fatica la vigorosa avanzata austro-ungarica.

Così come lungo tutto il Sentiero delle 52 Gallerie, anche qui il pensiero va al ricordo di coloro che su questi monti hanno perso la vita per la nostra libertà.

Molto più di un suggestivo panorama, qui la storia si racconta e si vive: basta stare un po’ in ascolto. 

Rifugio Papa

Il sentiero 370 “degli scarubbi”

La parte difficile è andata, così tra una chiacchiera e l’altra imbocchiamo il sentiero 370 degli scarubbi, che dal Rifugio Papa ci porterà direttamente al parcheggio, completando un bellissimo percorso ad anello.

Il sentiero è decisamente spettacolare per l’ampia visuale sulla valle di Posina, che offre alcuni incantevoli scorci. La camminata inoltre risulta piuttosto semplice, dato che il percorso si fa largo e agevole: finalmente niente più attenzione a dove metti i piedi o a dove sbatti la testa!

Ma forse ho parlato troppo in fretta perché iniziano i vertiginosi tornanti che Davide, che ci precede, inizia a tagliare praticamente in verticale per accorciare il percorso. Quindi? Bisogna rialzare subito l’attenzione!

In circa due ore arriviamo davanti a Malga Campiglia, dove un profumo irresistibile di burro ci attrae all’interno (sembra il racconto di Ulisse con le sirene) e ne usciamo con una bella scorta di ottimi formaggi di malga (davvero consigliati).

sentiero degli scarrubi

Difficoltà del Sentiero delle 52 Gallerie

Partiamo subito col dire che non si tratta di una semplice passeggiata, né di un percorso adatto a tutti.

Si tratta di un sentiero non difficile, ma neanche banale, da affrontare con un po’ di esperienza e tanta attenzione lungo tutto il percorso. L’unica cosa semplice è l’orientamento: uno dei pochi casi in cui non puoi proprio sbagliare.

La salita però, che si sviluppa in circa 8 km e 1000 mt di dislivello, è già di per sé una bella sfida per le persone poco allenate.

La vera difficoltà però risiede nell’attraversamento delle gallerie. Oltre a essere buio e freddo, l’interno di queste risulta molto scivoloso a causa dello stillicidio dell’acqua. Un buon scarpone in questo caso è essenziale per evitare di scivolare rovinosamente.

Ti consiglio di fare il percorso in senso orario e di scendere poi per il sentiero degli scarrubi. Mentre salivamo infatti ho visto più di qualcuno che scendeva per la Strada delle 52 Gallerie in evidente difficoltà. Insomma… se è scivoloso in salita, figurati in discesa!

Bisogna inoltre fare molta attenzione nel tenere la testa sempre bassa: le rocce delle pareti sono estremamente appuntite e possono creare escoriazioni… i bernoccoli sono dietro l’angolo.

Ultimo, ma non per importanza, non è certamente un sentiero adatto a chi soffre di vertigini. Cenge e tratti esposti sono davvero tanti. Suggestivi e ricchi di fascino, possono spaventare chi ha problemi con altezza ed esposizione.

Riassumendo, i pericoli del Sentiero delle 52 Gallerie non vanno sottovalutati: buio, esposizione, caduta massi, rocce acuminate e tratti scivolosi.

esposizione del sentiero

panorama del Pasubio

La Strada delle 52 Gallerie con bambini

Noi l’abbiamo percorsa con mia sorella: ha 10 anni, ma ha comunque conoscenza dell’ambiente montano ed era dotata dell’attrezzatura giusta. Nonostante queste accortezze il sentiero risulta comunque faticoso: 1000 mt di dislivello e 3 ore di camminata in salita non fanno per tutti.

Tu sai quanto tuo figlio sia abituato a camminare e soprattutto quanto sia in grado di prestare attenzione durante un percorso così lungo. Personalmente infatti, proprio per le difficoltà di cui ti ho parlato, non lo riterrei un percorso adatto a tutti i bambini.

Età, condizione fisica, esperienza in montagna, attenzione e attrezzatura sono aspetti da tenere assolutamente in considerazione.

Per quanto riguarda l’età è infatti impensabile portare i bambini in spalla o nello zaino da trekking: alcune gallerie sono davvero troppo basse.

Un ultimo appunto che potrebbe essere scontato, ma non si sa mai: da evitare assolutamente i passeggini – anche quelli da trekking: non passerebbero neanche il primo tornante.

Silvia nel sentiero del Pasubio

13 consigli pratici per affrontare il Sentiero delle 52 Gallerie

Per finire ecco una lista di consigli pratici per affrontare il sentiero e godere di questo bellissimo scenario.

  1. Porta con te una torcia o una pila frontale per illuminare le gallerie;
  2. Fondamentale avere una calzatura con un buon grip;
  3. Non inoltrarti nelle gallerie secondarie, perché spesso non sono mantenute;
  4. Se puoi segui il sentiero in senso orario, così come l’ho descritto;
  5. Il sentiero è vietato alle bici;
  6. Se possibile evita la domenica: il Sentiero delle 52 Gallerie è davvero gettonato e il rischio è quello di salire in colonna, perdendo un po’ dell’atmosfera riflessiva e silenziosa del luogo;
  7. Lungo il sentiero non c’è acqua: assicurati di averne a sufficienza prima di partire;
  8. Non portare bambini in spalla, nello zaino da trekking o nel passeggino;
  9. Il periodo ottimale per il trekking va da giugno a settembre;
  10. Evita le giornate di pioggia, il sentiero sarebbe ancora più scivoloso;
  11. Assicurati di avere una felpa e uno scaldacollo per coprirti;
  12. Se sei molto alto (o se ti riconosci come goffo) puoi pensare di munirti di caschetto;
  13. Il parcheggio si paga con le monete quindi assicurati di averne con te;
  14. In inverno le gallerie possono essere occluse da neve e ghiaccio; il rischio valanghe è spesso molto alto.

Dati tecnici in breve

PARTENZA: passo Xomo o Bocchetta Campiglia (1058 mslm); la prima opzione è più lunga, ci vuole una mezz’ora per arrivare a piedi all’ingresso della Strada.

ARRIVO: Rifugio Papa (1928 mslm)

DISLIVELLO: 1000 mt

TEMPO: circa 3 ore (4 con bambini) per la salita, 2-3 ore per la discesa

Un ringraziamento a Marco Lazzaro per alcune delle bellissime foto dell’articolo. 

Ci fa piacere se restiamo in contatto!

Se non lo hai già fatto, iscriviti alla newsletter di Bagaglio Leggero. Ti scriveremo solamente una volta al mese per aggiornarti sugli ultimi articoli, sulle nostre ultime avventure… e sui nostri prossimi progetti!

Iscriviti alla newsletter
* indicates required