Camminare lungo i sentieri dei Colli Euganei significa odorare i boschi profumati, far correre lo sguardo fino alla laguna di Venezia, entrare in contatto con animali selvatici e cambiare panorama nel giro di pochi passi… I Colli Euganei? Una realtà entusiasmante in continua evoluzione. 

Ah, ovviamente le camminate più belle finiscono sempre in osteria per un cicchetto o una pappardella fatta in casa, sappilo!

Silvia verso il tramonto sui Colli Euganei

I più spettacolari sentieri nei Colli Euganei

Potremo parlare all’infinito di trekking sui Colli Euganei: tra sentieri, tracce e concatenamenti, una vita probabilmente non basterebbe per scoprirli tutti. Ti racconto i nostri preferiti, ognuno con la sua personalità e il suo carattere.

1. Alta Via dei Colli Euganei – il masterpiece

Mi gioco subito l’asso: anche i Colli Euganei hanno un’Alta Via che li attraversa interamente. Ben 42 km con circa 2000 metri di dislivello complessivo che ti faranno assaporare tutto il meglio di queste formazioni vulcaniche. Un saliscendi continuo attraverso vigneti, boschi di maronari, uliveti e ciliegi tra stradine di montagna, erti sentieri e tranquille forestali.

Noi lo abbiamo percorso nella sua interezza in autunno. Siamo partiti da Villa di Teolo e ci abbiamo impiegato 10 ore, ma puoi sempre pensare di spezzare l’Alta Via accorciandone il tracciato in più punti. Puoi leggere l’articolo completo del nostro racconto dell’Alta Via dei Colli Euganei.

Partenza: Trattoria Vecchio Tram, Villa di Teolo (ma puoi iniziare in qualunque punto del percorso)

Tipo: giro ad anello

Dislivello: 2500 mt complessivi

Tempo: 12 ore

Difficoltà: media, difficile solo per la lunghezza. Se ha piovuto, alcuni sentieri possono risultare sdrucciolevoli.

panorama dei Colli Euganei

2. Monte Ceva e sentiero delle creste – quello curioso

Lo ammetto, se dovessi decretare il mio colle preferito non avrei dubbi: il Monte Ceva. Ogni passo una sorpresa, ogni svolta una scoperta. Ho già scritto un articolo sul bellissimo giro ad anello del Monte Ceva. Lo puoi fare partendo da Battaglia Terme, ma preparati all’inaspettato.

Fioriture da profonda Sicilia, campi magnetici invertiti, piante antagoniste che vivono in simbiosi e un panorama a 360° da togliere il fiato.

Partenza: Battaglia Terme, area camper di Monte Croce

Tipo: giro ad anello

Tempo: 2 ore

Dislivello: 300 metri

Difficoltà: medio-facile

Fichi d'India in fiore e agavi sul Monte Ceva

3. Monte Ricco e Monte Castello – quello cittadino

Avendo lavorato a Monselice per 3 anni, il Monte Ricco per me è essenzialmente casa (e palestra). Sono tantissime le escursioni che si possono fare attorno (e in cima) a questo colle le cui pendici iniziano proprio a ridosso della stazione ferroviaria di Monselice.

Nell’articolo sul trekking al Monte Ricco ti consiglio due escursioni:

  • il sentiero classico di salita verso la Terrazza di Ercole e l’Eremo di Santa Domenica;
  • il sentiero dell’ “anello basso” che fa un giro completo attorno al Monte Ricco arrivando anche sulla cima del Monte Castello.

Il bello è che si possono fare anche entrambi, concatenandoli in un unico trekking.

Se non la conosci, organizza la tua giornata di escursione in modo da avere un po’ di tempo per visitare Monselice. E, perché, magari per scoprirla con una guida turistica professionista.

Partenza: dietro alla stazione ferroviaria di Monselice

Arrivo: Eremo di Santa Domenica

Dislivello: circa 300 mt

Tempo: 3 ore

Difficoltà: facile

Terrazza di Ercole del Monte Ricco

4. Sentiero degli Olivetani – quello mistico

Il Monastero degli Olivetani ha visto luce nel XII secolo, quando Adamo e il suo servitore vi si ritirarono come eremiti. L’edificio divenne luogo di preghiera e raccoglimento dei benedettini, i quali costruirono tutto ciò che oggi possiamo vedere: o almeno, del quale possiamo vedere i resti. Nel 1771 infatti la Repubblica di Venezia vendette i beni del monastero e trasferì i monaci condannando così gli edifici alla rovina.

Il modo più veloce per raggiungere il Monastero degli Olivetani è di parcheggiare a Casa Marina, sopra Galzignano (ci arrivi prendendo la strada Cingolina). Il sentiero 4 inizia sulla destra: è quello che sale sul fianco del Monte Venda, pochi metri di strada asfaltata dopo. In breve ti si offrono due possibilità:

  • percorrere verso destra un tratto del Sentiero Lorenzoni, che fa il giro del Monte Venda. Troverai ad un certo punto le indicazioni per lasciarlo e salire al Monastero
  • salire per la “direttissima”, un sentiero più erto e sconnesso che in breve arriva al Monastero

Le rovine del Monastero ti colpiranno: il colpo d’occhio è notevole, quasi “gotico”. Prenditi del tempo per girare tra i crolli e per esplorare quello che è rimasto in piedi. Tra l’altro, le rovine sono state ripulite molto bene.

Partenza: Casa Marina

Arrivo: Monastero degli Olivetani

Tempo: 30-40 minuti

Dislivello: poco meno di 300 metri

Difficoltà: medio (la salita diretta da Casa Marina è molto pendente)

ulivi lungo i sentieri dei Colli Euganei

5. Visita a Sant’Antonio Abate – quello spirituale

Non un vero e proprio sentiero, dato che arrivare a destinazione ti richiederà sì e no venti minuti. Eppure, questo breve percorso ti porterà attraverso una splendida vegetazione spontanea, su una terrazza panoramica notevole, e infine presso la chiesetta di Sant’Antonio Abate, un piccolo gioiello di spiritualità popolare. Che, almeno una volta, va visto.

Se vuoi sapere di più su questo luogo, puoi leggere l’articolo che gli abbiamo dedicato.

Partenza: Le Fiorine

Arrivo: Sant’Antonio Abate

Tempo: 20 minuti

Dislivello: -20 metri

Difficoltà: facile

Antica Chiesa di San Antonio Abate

6. Percorso di Cava Bomba e Monte Cinto – quello geologico

Li vedi spuntare da una pianura altrimenti piatta come una tavola, e ti chiedi cosa ci fanno lì. Una delle cose straordinarie dei Colli Euganei è la loro origine vulcanica: e dei vulcani hanno proprio le forme. Ogni colle ha la sua particolarità geologica, ma se c’è un sentiero che ti permette di fare un excursus di storia della Terra, è proprio il sentiero di Cava Bomba e del Monte Cinto.

Si parte da Cava Bomba, poco a sud di Cinto Euganeo lungo la Provinciale 21d, dove un museo racconta di paleontologia e storia mineraria (anche se l’area, tra i vecchi universitari di Padova, richiama più l’aroma delle grigliate clandestine).  Da qui il sentiero 11 ti permette di fare il giro del monte Cinto, e poi di salire sulla cima.

Fondamentale la deviazione verso lo sperone trachitico del Buso dei Briganti. Questo toponimo è un riferimento storico reale – tra questi boschi si nascondevano davvero i briganti, dato che dall’Unità d’Italia fin quasi all’inizio del ‘900 i Colli furono terra di brigantaggio, e le cronache giudiziarie sono piene di storie criminali. Le rocce levigate che costituiscono lo sperone sembrano quasi fuori luogo, e il panorama è stupendo.

Sulla cima del colle si trovano i resti di un castello medievale, mentre una delle viste più notevoli lungo la discesa è quella della cava dismessa di riolite colonnare: un improvviso squarcio nel versante del monte, protetto dalla vegetazione, dove il minerale assume una forma caratteristica.

Partenza: Museo di Cava Bomba

Arrivo: giro ad anello

Tempo: 3 ore

Dislivello: circa 300 mt

Difficoltà: medio-facile, con un po’ di accortezza nella salita al Buso dei Briganti

Silvia lungo il sentiero del Monte Cinto

7. Monte Fasolo – quello fiorito

Forse uno degli scorci più belli di tutti i Colli Euganei. Le linee morbide e dolci del Monte Fasolo si sposano perfettamente con i colori dei suoi alberi: le fioritura rosa dell’albero di Giuda in primavera, le foglie rosso acceso dello scotano (anche detto albero di nebbia). E poi la cornice di carpini, frassini, biancospini. Uno spettacolo naturale che prende l’aspetto di un bosco luminoso che sembra uscito dalle favole.

Il sentiero che devi seguire per fare questa escursione è il numero 12 (nel suo tratto più meridionale si sovrappone al numero 3, che ti porta invece al monte Rusta).

Partenza: località San Antonio, lungo la strada che da Faedo porta ad Arquà Petrarca, in corrispondenza della deviazione per la fattoria del Monte Fasolo

Tipo: giro ad anello

Tempo: 2 ore

Difficoltà: molto facile

Dislivello: meno di 100 metri

i più bei trekking dei Colli Euganei

8. Pianoro del Mottolone – quello panoramico

Partiamo da Arquà Petrarca, che già di per sé vale ben più di una visita. Siamo infatti in uno di quei borghi italiani che il mondo ci invidia e, come non bastasse, ci dirigiamo verso uno dei punti panoramici più spettacolari di tutto il territorio.

Per arrivare al pianoro del Mottolone ti basterà prendere il sentiero n. 3 che sale dal centro di Arquà Petrarca per addentrarti nel bosco di faggi, ulivi e impressionanti piantagioni di rosmarino. Se calcoli bene i tempi fai in modo di arrivare a destinazione per l’ora del tramonto. Nelle giornate limpide lo scenario che si apre è davvero commovente.

E’ bene però che te lo dica: al  pianoro del Mottolone si può arrivare anche in auto. Non fare lo sbaglio di perdere l’occasione di fare questo sentiero facile e bellissimo.

Partenza: Arquà Petrarca

Arrivo: Pianoro del Mottolone

Tempo: 40 minuti

Dislivello: 200 mt

Difficoltà: facile

Silvia lungo i sentieri dei Colli Euganei

9. Monte Cecilia – quello rilassante

Ci sono delle escursioni nelle quali si dimenticano le improvvise salite vulcaniche dei Colli Euganei. Come il giro del Monte Cecilia: perfetto per una lunga passeggiata rilassante, senza troppi pensieri di orientamento e pendii da scalare. Morbide forestali e ampi sentieri percorrono prima gli aperti versanti del Monte Cecilia, poi si infilano in boschi dalla ricca vegetazione. I panorami cambiano spesso, e ti trovi prima a guardare Calaone tra il Monte Cero e il Monte Castello, poi il Monte Ricco e la Rocca di Monselice, e infine Arquà Petrarca.

Inizi a camminare poco più a nord di Baone. La strada forestale è segnata sulla Tabacco come sentiero 8-24, e ti porta fin quasi alla cima del Monte Cecilia, facilmente raggiungibile. Da qui puoi allungare l’escursione camminando fino a Cà Chimelli e tornando a Baone per un’altra strada.

Partenza: Baone (via Lucerna)

Tipo: giro ad anello

Tempo: 4 ore se sali anche in cima al Monte Cecilia

Dislivello: 170 mt

Difficoltà: facile

10. Il sentiero di Villa Draghi – quello aristocratico

Il colpo d’occhio è immediato, tanto che non stupisce come i nobili del XIX secolo abbiano deciso di vivere proprio qui. Villa Draghi infatti è posta proprio su di una sommità naturale che le permette di essere al contempo in mezzo al bosco e a dominio della pianura. Un eclettico edificio dell’800 con splendide finestre alla veneziana che oggi viene sfruttato per lo più per ricevimenti comunali.

Se Villa Draghi è comunque una meta molto gettonata dagli aponensi e dai numerosi ospiti delle strutture termali basta allontanarsi qualche metro e addentrarsi nel bosco per essere catapultati in una realtà decisamente solitaria e selvaggia. Boschetti di rovere e castagno circondano il percorso ad anello che si snoda dalla villa aprendo improvvise e suggestive vedute sulla pianura.

Un’unica avvertenza: procurati una mappa o almeno fotografati il percorso all’imbocco del sentiero. È infatti piuttosto facile perdersi tra i mille percorsi che si diramano, un ottimo esercizio per l’orientamento!

Partenza: parcheggio di Villa Draghi

Tipo: percorso ad anello

Tempo: circa 2 ore

Dislivello: 350 mt

Difficoltà: facile

sentiero di Villa Draghi

Cartografia

Per aiutarti nell’orientamento sui Colli Euganei, sappi che esistono diverse pubblicazioni del Parco dei Colli Euganei – come opuscoli e cartine turistiche – sulle quali puoi trovare informazioni su ogni sentiero.

In ogni caso, ti consiglio di procurarti anche la carta Tabacco n. 60, Colli Euganei – Abano e Montegrotto Terme (se non ce l’hai puoi comprarla su Amazon).

I migliori sentieri dei Colli Euganei pin

Tutto sui Colli Euganei

In cerca di altri spunti meno convenzionali sui Colli Euganei? Qui trovi tutto quello che ti serve.