Decreto legislativo 28 febbraio 2021, n.40, cosa cambia?

Dall’approvazione del decreto legislativo si parla tantissimo di tutte le implicazioni pratiche e teoriche che stanno dietro a questa norma. Abbiamo provato ad andare a fondo e spiegarti cosa cambia davvero.

Nuove regole per gli sciatori sulle piste

Tra le principali novità ci sono queste:

  • Obbligo per chi scia in pista di avere un’assicurazione per la responsabilità civile

L’assicurazione potrà essere acquistata assieme allo skipass. Si tratta forse della novità principale, che farà storcere il naso a molti. Sicuramente infatti i costi degli skipass negli ultimi anni sono andati lievitando a dismisura, tanto da rendere lo sci su pista uno sport sempre più elitario.

50 euro di skipass giornaliero + 25 € di pranzo + costo di trasporto + RC = eh già. Se poi moltiplichi x famiglia…

Cosa ne penso? Ho lavorato in assicurazione per 3 anni e ti assicuro che ho visto di tutto, tra cui intere famiglie finite sul lastrico per banali errori di distrazione. La buona notizia? Un’assicurazione di responsabilità civile costa un centinaio di euro l’anno e copre tutto il nucleo familiare in qualsiasi situazione (non solo sulle piste). Pensaci.

Ti segnalo anche che, se sei tesserato CAI in regola per il 2022, puoi acquistare presso la tua sezione una copertura assicurativa di responsabilità civile che comprenda te e la tua famiglia nelle attività alpinistiche (incluse quelle su pista) al costo di € 12,50.

  • Obbligo di casco fino ai 18 anni

Sarò sincera, secondo me questo obbligo dovrebbe essere esteso a tutti, a prescindere dall’età.

E poi… vuoi mettere la comodità di avere la testa ben al caldo e al sicuro dietro a casco e maschera? Per me non c’è discussione.

  • Modifica delle responsabilità sulle piste da sci

Sono due le principali modifiche in tal senso:

  1. Negli incroci non sempre ha precedenza chi viene da destra, ma, anche tutti gli sciatori devono modificare la traiettoria e ridurre la velocità per evitare ogni scontro con altri sciatori,
  2. “ogni sciatore deve tenere una velocità e un comportamento di prudenza, diligenza e attenzione alle condizioni generali”
  3. “per poter accedere alle piste caratterizzate da un alto livello di difficoltà e con pendenza superiore al 40%, contrassegnate come pista nera, lo sciatore deve essere in possesso di elevate capacità fisiche e tecniche”.

Che cosa significano in pratica queste disposizioni? Che la responsabilità si presume essere sempre al 50%, a meno di particolari situazioni come il caso dello sciatore che abbia causato un incidente su una pista nera perché non in possesso delle capacità necessarie per affrontarla. In questo caso infatti la presunzione di colpevolezza è a suo carico.

  • Divieto di sciare in stato di ebbrezza

È vietato sciare in stato di ebrezza derivante da alcool o droghe. Il limite alcolico è fissato a 0,5 grammi per litro e le autorità possono disporre alcooltest anche in prossimità delle piste.

Al contrario della circolazione su strada, la sanzione è solo amministrativa, con una multa che va dai 250 ai 1000 euro.

Insomma… niente più doppio giro di bombardini!

  • Divieto di percorrere le piste ai piedi o con le ciaspole

Ero convinta che fosse già così… o per lo meno in tantissime piste è anche espressamente indicato.

regole per sciare inverno

Modifiche normative per le attività sportive invernali fuori dalle piste

Una premessa: in questa categoria sono compresi indistintamente scialpinisti, sciatori fuori pista, ciaspolatori, escursionisti su neve e alpinisti. Un bel “misto bosco” insomma!

Obbligo di ARTVA, pala e sonda

La norma prevede che tutti coloro che praticano attività sportiva sulla neve fuori dalle piste da sci debbano dotarsi di ARTVA, pala e sonda quando praticano tali attività “in particolari ambienti innevati, laddove, per le condizioni nivometeorologiche, sussistono rischi di valanghe”.

Cosa cambia rispetto alla legge precedente? Nella legge 363 del 2003 si parlava di “evidenti rischi di valanghe” per cui si intendeva come tale il livello 3 della scala delle valanghe (pericolo marcato), mentre ora la formulazione sembra far pensare all’obbligo anche al livello 2 (pericolo moderato).

Non ti sarà sfuggito il “sembra” della mia precedente frase: il legislatore è stato talmente generico che è difficile trovare un’interpretazione univoca, soprattutto dato che il rischio zero in montagna non esiste. Cosa debba intendersi con “rischio valanghe” è quindi non univoco, ma l’interpretazione più accreditata, anche secondo i principali attori della montagna, è quella appunto del livello 2.

È prevista anche una sanzione che va dai 100 ai 150 euro.

Silvia con sci d'alpinismo a Forcella Rocca da Campo

Cosa cambia per scialpinisti e ciaspolatori con l’obbligo di dotarsi di ARTVA, pala e sonda?

Per gli scialpinisti direi nulla. Si tratta infatti della normale dotazione di sicurezza che chiunque pratica lo scialpinismo dovrebbe sempre avere (e saper usare a dovere). Sono quindi ottimista nel dire che per il 99% degli scialpinisti si tratti solo di una conferma dell’importanza di tale dotazione (anche quando si è soli).

Per ciaspolatori? Qui l’opinione si divide. Ti dico quello che penso io. Se sei un ciaspolatore che si avventura fuori dalle strade bianche su ripidi pendii, forcelle e zone effettivamente a rischio, non vedo per quale motivo non dovresti avere anche tu ARTVA, pala e sonda.

Insomma, se sei quel genere di ciaspolatore, fatti un regalo per Natale!

Se invece la tua attività con le ciaspole si limita alla passeggiata in zona pianeggiante e senza rischio valanghe non ci sono problemi: non ti serviva prima e non ti servirà ora. E se sei un principiante completo, leggiti la guida su come iniziare a ciaspolare: ti chiarirà molte cose.

So cosa stai pensando: tra la zona pianeggiante e il ripido estremo c’è una scala infinita di grigi (o meglio bianchi sporchi, in questo caso). Verissimo, ma questo è anche il motivo per il quale alla fine la scelta credo possa dirsi sempre la tua.

Oppure credi davvero che per controllare la tua attrezzatura ci sarà un posto di blocco su ogni montagna?

Insomma… la montagna innevata è sempre pericolosa, secondo me un’accortezza in più non guasta comunque. E ricorda: lo fai per te, lo fai per gli altri, lo fai per i soccorritori. È questo lo spirito con il quale devi approcciarti.

Ciaspolata invernale dettaglio

Da quando entra in vigore il decreto?

L’entrata in vigore è fissata per il 1° gennaio 2022.

In sede di legge di conversione infatti (l. 21 maggio 2021, n. 69) del d.l. 22 marzo 2021 n. 41, si leggeva che “Le disposizioni recate dal presente decreto si applicano a decorrere dal 31 dicembre 2023”, salvo poi il 25 maggio con decreto spostarla nuovamente al1° gennaio 2022.

Insomma, come sempre la confusione è stata tanta, ma alla fine secondo me si tratta per lo più di regole di buon senso (scritte molto male). Iniziare ad adottarle da subito è un ottimo comportamento per chi frequenta la montagna invernale, non credi?