Ci si arriva dalla Valle del Biois, ma è la porta per le Pale di San Martino. È amatissima, rilassante, appartata. È amata da chi cerca la buona cucina, e da chi cerca una roccia perfetta per essere scalata. La Val Gares in Agordino è un paradiso di boschi e prati, cavalli al pascolo e montagne aggettanti che richiamano i piedi a salirle.

Silvia e Davide a Pian delle Comelle in Val Gares

La Val Gares di Canale d’Agordo

Stai percorrendo la Provinciale 346, quando un ponte attira la tua attenzione. È l’ingresso di Canale d’Agordo, stretto paese dell’Agordino che ha dato i natali a Papa Luciani. Altri palati apprezzeranno il fatto che qui è stata aperta la prima birreria d’Italia – era il 1847, “c’erano ancora gli austriaci”, è stata poi acquistata da quelli della Pedavena e si mangia molto bene (vi consigliamo la “Merenda del bolp”).

Comunque, prosegui con l’auto oltre il paese. Sei ora su una strada che si snoda morbida lungo il Torrente Liera. Fuori dai finestrini scorrono prati, boschi, un camping, un enorme gregge di pecore, case isolate e piccoli agglomerati di begli edifici in pietra. Il paesaggio è – per me – quello delle valli attorno alle Pale di San Martino, e non posso non immaginarne il sottobosco: l’odore di funghi ad agosto, i morbidi tappeti di aghi di abete, le felci bagnate di rugiada al mattino.

Finché non comprare Gares sulla sinistra. Sono passati 7 chilometri da Canale, ed ecco: qui si apre la vera Val Gares.

Che carta prendere

Saremo fissati, ma per noi andare in montagna significa avere una carta topografica nello zaino! Per esplorare la Val Gares e suoi dintorni, e per fare le escursioni che ti consigliamo, procurati una di queste due carte (la prima è più completa se il focus della tua gita sono le Pale):

(Se non sei a tuo agio con la carta in mano, leggi la nostra guida sull’uso della carta topografica)

Cosa vedere in Val Gares

Il paese di Gares

Poche case di minatori senza nemmeno un’osteria: così era descritta Gares a fine ‘800. E tale, più o meno, è rimasta. Certo, le miniere di rame e ferro dei dintorni sono abbandonate da un pezzo (con qualche polemica sul loro ripristino turistico, come sembra essere destino di queste cose, vedi Valle Imperina e California in Valle del Mis).

Ma Gares è un gioiellino di case curate, fienili ristrutturati, minuscoli orti, fresche fontane per chi ha camminato molto, e una bella aria di montagna. Di fronte, le creste di Valghere, Palalada e Caoz.

Una chiesetta completa il quadro.

Da Gares, oltre alla forestale che sale a Malga Stia, si può imboccare il piacevole sentiero che, per buona parte in bosco, raggiunge la Cascata Bassa di Gares (è il sentiero 704 che prosegue fin sulle Pale).

Gares

Lago di Gares e biotopo

Trovi l’imbocco della passerella di legno lungo la strada che da Gares scende a Capanna Cima Comelle. Si tratta di un piacevole camminamento che percorre la riva del Laghetto di Gares, sale un paio di grosse rocce per una vista panoramica, e scende di nuovo al parcheggio.

Come tutti i biotipi, il suo punto di forza sono le particolari popolazioni di flora e fauna: l’acqua del lago si mescola con il suolo dei prati, per ospitare pesci, specie avicole, salamandre e altri rettili. I pannelli didattici parlano di una ampia gamma di piccoli mammiferi, ma questi, probabilmente, faranno di tutti per rimanere fuori dal campo visivo umano!

Ci vuole un quarto d’ora a fare il giro del biotopo con calma.

Biotopo Lago Val Gares

Capanna Cima Comelle Val Gares

Il caffè prima di partire per un’escursione (da qui: Casera Campigat, Cascate di Gares, oppure Malga Stia), o un lauto pranzo dopo un trekking: Capanna Cima Comelle è un’istituzione. Piantato nel mezzo dei bei prati del Pian delle Giare, e guardato a vista da oche e galline, il ristorante offre piatti locali molto, molto buoni.

E sulle castagne candite con la panna, ci ho lasciato il cuore. Un goccio di grappa ai mirtilli, e puoi ripartire con slancio!

Capanna Cima Comelle Val Gares

Arrampicata e centro fondo in Val Gares

Piace, la Val Gares, anche agli sportivi. Al di là delle escursioni che partono da qui – ne parlo nella seconda metà dell’articolo – le due attività principali sono:

  • in estate, l’arrampicata. Ci sono diverse pareti e boulder in zona, alcuni dei quali puoi vedere, in genere ben frequentati, salendo alle Cascate e guardando giù (di solito senti urletti e grugniti di sforzo)
  • in inverno, lo sci di fondo. Il Centro Fondo Manfroi è inserito in un contesto suggestivo. La pista è lunga 5 chilometri, ed è omologata per eventi agonistici.

Escursioni facili e medie: i sentieri della Val Gares

Salita a Malga Stia

Una piacevole forestale parte da dietro l’abitato di Gares, e sale con pendenza decisamente affrontabile fino alla bella e panoramica Malga Stia (1785 mslm), adagiata al limite di verdi prati popolati  dalle marmotte. Se sei una persona curiosa, i muri esterni della malga sono letteralmente tappezzati di pannelli didattici: geografia, geologia, flora, fauna, alpeggio… c’è davvero tutto quello che si deve sapere!

A Malga Stia puoi mangiare super locale: gnocchi fatti in casa, polenta e cervo, formaggi prodotti dalla malga e ricotta con (anche qui) castagne

Per prolungare l’escursione, puoi proseguire verso Forcella della Stia (2190 mslm). La pendenza si fa più impegnativa, lo scenario più alpino. Il panorama è sempre lo stesso, almeno fino alla forcella: una volta arrivato però ti si aprirà una vista magnifica sui Focobon e sul Mulaz.

Partenza: Gares

Arrivo: Malga Stia, Forcella della Stia

Dislivello: 400 metri fino alla malga, 800 m fino alla forcella

Durata: 1 ora fino alla Malga Stia, 2 ore per la forcella

La cosa imperdibile: vedere le marmotte richiamarsi e sparire nelle loro tane.

Malga Stia

Le Cascate di Gares

Vera attrazione della valle, che riempie del suo fragore i prati circostanti: la duplice Cascata di Gares è una gioia per gli occhi.

Da Capanna Cima Comelle (1383 mslm) prosegui verso su est praticamente in piano, per poi iniziare una breve ed erta salita (mai difficile) che con gradoni naturali, scalette in legno e corrimano in metallo ti permette di arrivare (quasi) al cospetto della Cascata Bassa, e poi proprio di fronte alla Cascata Alta. La seconda, in particolare, è affascinante: l’acqua forma una cortina che si stacca dalla roccia e produce eleganti arcobaleni, mentre tu, sul ponticello di legno, vieni vaporizzato dall’acqua fresca. Emozionante.

Mentre sali, ti consiglio di guardare verso l’alto, quella specie di balcone di roccia dal quale sgorga la Cascata Alta. Interessante, vero? Bene: vai al paragrafo delle escursioni impegnative: ti spiego come salire fin lì, e vivere un’avventura decisamente lontana dai prati che hai appena lasciato!

Partenza: Capanna Cima Comelle

Arrivo: Cascata Bassa e Alta di Gares

Dislivello: 400 metri fino alla malga, 800 m fino alla forcella

Durata: 40 minuti

La cosa imperdibile: avvicinarsi il più possibile alla Cascata Alta, e sentire su di sé la potenza dell’acqua (occhio che si scivola!)

Davide alle Cascade ti Gares

Casera Campigat e creste verso il Monte Caoz

Una delle nostre escursioni preferite in questa zona! Si inizia con una salita nel bosco di fronte a Capanna Cima Comelle (1383 mslm) non troppo difficile, ma piuttosto pendente. Tutto cambia una volta raggiunta Casera Campigat (1801 mslm): si apre la vista sulle Pale dei Balconi, e sulla boscosa Val di Reiane sotto.

La gita è piacevole anche solo fino a qui, ma con un po’ di gamba in più puoi percorrere le creste erbose fino a Forcella Caoz (1944 mslm). Il percorso è lungo ma non impegnativo, in quanto è quasi sempre in quota. In compenso, il panorama è unico: in particolare per la vista sull’Agner.

Nell’articolo dedicato all’escursione a Casera Campigat e Cima di Caoz trovi tutte le informazioni e le varianti del caso.

Partenza: Capanna Cima Comelle

Arrivo: Casera Campigat, Forcella Caoz

Dislivello: 420 metri fino alla casera, 520 m fino alla forcella

Durata: 1 ora e 20 fino alla Casera Campigat, 3 ore fino alla Forcella Caoz

La cosa imperdibile: andare sulle creste quando la neve si sta sciogliendo (maggio/giugno) e lasciarsi stupire dalla quantità di crochi.

Silvia tra i crochi davanti al Monte Agner

Escursioni impegnative in Val Gares

Orrido delle Comelle e Pian delle Comelle

Raggiunta la Cascata Alta di Gares, prosegui seguendo il segnavia 704 diretto nientemeno che al Rifugio Rosetta. Un tornante, una cengetta, ed entrerai nell’Orrido delle Comelle: uno spettacolo naturale inaspettato. Si tratta di un sentiero attrezzato che segue lo stretto e fragoroso canyon del nascente Torrente Liera.

Seguilo (forse, data la forza delle acque di scioglimento della neve, dovrai superare dei tratti un po’ scombinati). Improvvisamente ti si aprirà davanti il Pian delle Comelle (1798 mslm), un fondovalle piatto e ghiaioso circondato da vertiginose montagne, e tutto da esplorare.

Da qui, come si suol dire, ne puoi combinare di tutti i colori:

  • puoi raggiungere il Rifugio Rosetta sulle Pale di San Martino, dove probabilmente pernotterai (lungo, ma non difficile)
  • puoi imboccare il Sentiero delle Farangole, direzione Mulaz (per escursionisti esperti)
  • puoi imboccare il Viaz del Bus o sentiero 756a, un cengia per gente dal piede sicuro, che ti permetterà un bel giro ad anello

Partenza: Capanna Cima Comelle

Arrivo: Pian delle Comelle

Dislivello: 450 metri fino al Pian delle Comelle

Durata: 2 ore

La cosa imperdibile: scoprire dove si nasconde il Bivacco Stecho!

Pian delle Comelle

Cos fare e vedere in Val Gares nell'Agordino pin