E’ il modo più spettacolare per arrivare a Machu Picchu in autonomia. Passare valichi che superano i 5000 metri di altezza tra nevadi imponenti e inaspettate lagune, trovarsi a camminare nella foresta amazzonica tra uccelli colorati e piante tropicali fino ad arrivare al più iconico, al più misterioso sito archeologico del mondo… un sogno!

Preparare il Salkantay Trek senza guida è davvero molto semplice… se sai come fare!

Iniziamo quindi dalle domande, ne avevo tante prima di partire per questo trekking e di molte non ho trovato risposte, per cui spero di risolvere magari anche qualche tuo dubbio con questo articolo! 

Machu Picchu dopo il Salkantay

Cos’è il Salkantay Trek?

Il Salkantay Trek è uno dei percorsi che portano a Machu Picchu. Il più famoso – e il più frequentato – è l’Inca Trail. Ma per affrontare quest’ultimo è obbligatorio prendere una guida o unirsi ai gruppi organizzati che lo percorrono, per cui… non faceva per noi.

Tra i punti di fascino di questo trekking ci sono la varietà degli ambienti che attraversa e le altezze alle quali si svolge. Uno dei possibili problemi che si possono incontrare infatti è proprio l’altitudine.

Come fare con l’altitudine? 

Il soroche, male di altura, è un problema vero e molto serio in Perù. Mal di testa, nausea, difficoltà respiratorie, dolori al torace e affaticamento sono i tremendi effetti che possono portare queste quote elevate.

Non puoi sapere in alcun modo se starai male in anticipo, ma puoi preparare il tuo corpo affinché si abitui all’altezza

Ricorda infatti che il punto più alto del Salkantay Trek supera i 4600 mslm, un’altezza che noi fatichiamo anche solo ad immaginare. 

Arrivare in Perù dall’Italia e volare direttamente da Lima a Cusco per iniziare a camminare il giorno dopo è assolutamente sconsigliato. 

Noi non abbiamo preso in considerazione l’idea di assumere medicinali e, viaggiando da soli, non potevamo contare sull’ausilio dell’ossigeno che i tour operator mettono a disposizione dei propri clienti. Abbiamo quindi preferito lasciare al nostro corpo il tempo necessario per abituarsi a queste nuove vertiginose altezze. Siamo stati in Perù infatti quasi due settimane prima di iniziare il trekking, avvicinandoci via via ad altezze più elevate.

Ti consiglio quindi di prenderti il tuo tempo per acclimatarti e magari fare qualche altro trekking per prepararti. Noi ad esempio siamo stati prima sul Colca Canyon (vicino ad Arequipa), che si trova a circa 3200 mslm ed è un altro percorso stupendo di uno-due giorni da compiere in solitaria.  

Un piccolo aiutino naturale? Le foglie di coca! Nulla di illegale, anzi, masticare le foglie di coca è un’usanza che vige in Perù da oltre 8000 anni. Gli Inca la usavano infatti per compiere riti religiosi, alleviare dolori o stanchezza. Non si tratta assolutamente di droga, ma ha piuttosto l’effetto di un tonico, un energizzante che aiuta a combattere la fatica e alleviare i sintomi del soroche. 

Le foglie si masticano fino a farne una pallottola disgustosa da tenere tra i denti e la lingua (Davide ne era innamorato, per me il sapore è inaffrontabile) oppure berle in un ottimo e caldo infuso di erbe dal sapore aromatico.

Funziona? Sì e l’effetto è immediato, ma solo nei casi di sintomi lievi. Se i sintomi sono molto intensi l’unico rimedio è scendere di altezza.  

I “sintomi lievi” io li ho giusto percepiti.

Il primo giorno del Salkantay, superati credo i 3300 metri di quota. Stomaco leggero, testa leggera, sguardo leggero… tutto leggero. Un’idea di nausea che voleva crescere, e poco altro. Ho masticato un po’ di foglie di coca, respirato un po’ più lentamente e a fondo, ed ecco: tempo una ventina di minuti, ed erano spariti.

Davide

Prima tappa del Salkantay

La pianificazione del trekking

Quanti giorni dura?

Il Salkantay Trek ha una durata classica di 5 giorni (o meglio 4 + 1, dove il più uno è il giorno dedicato alla visita di Machu Picchu), noi ci abbiamo impiegato 3 giorni + 1, e in un attimo ti spiegherò come fare. 

Preparare il Salkantay Trek senza guida… o con un tour? 

Questa è la prima domanda che ti devi porre e, anche se credo che essendo arrivato qui tu abbia già la risposta, ecco una piccola lista dei pro e dei contro. 

Contro del fai da te: nessuno. 

Scherzi a parte, i contro sono ovvi: lo zaino che dovrai portare è molto pesante, in caso di necessità non puoi contare sull’aiuto di un gruppo organizzato e potresti avere difficoltà a trovare il sentiero corretto

Non voglio allarmati, né mentirti, ma sarei incosciente nel consigliare un trekking di più giorni a queste altezze a chi non ha abbastanza esperienza di montagna e di campeggio. 

Ecco che prima di capire se farlo da solo o con la guida la vera domanda che devi porti è se hai sufficiente dimestichezza con questi temi. 

Dovrai essere abbastanza a tuo agio con l’altitudine, con le temperature della montagna, con lo sforzo fisico e con l’uso dell’equipaggiamento.

Se la tua risposta è sì, allora affrontare il Salkantay Trek senza guida sarà una delle più belle esperienze della tua vita. 

Se invece la tua risposta è no o nì, valuta bene onde evitare di rendere un bellissimo trekking una via crucis. 

Tieni conto infatti che il trekking organizzato non ha assolutamente un costo proibitivo, il tuo zaino verrà portato con i muli, i pasti saranno preparati dai cambusieri, la guida ti saprà raccontare qualcosa del luogo e dormirai in lodge più o meno belli (a seconda del costo del tour).

Lungo il Salkantay Trek

Dove noleggiare l’attrezzatura? 

A Cusco ci sono dozzine e dozzine di negozi che noleggiano e vendono attrezzatura sportiva, soprattutto attorno ad Avenida del Sol e Plaza de Armas. 

Non serve prenotarla con molto anticipo, ma è bene assicurarsi di aver pensato a tutto il necessario almeno uno-due di giorni prima. 

Puoi chiedere ai negozi di aprire l’attrezzatura che ti propongono per verificarne integrità e qualità. 

I prezzi variano dai 5 a 10 soles al giorno per pezzo, noi per 4 giorni abbiamo speso circa 45 € in due e ci siamo rivolti a Rosly in calle Procuradores. Ci siamo trovati bene e quindi lo consigliamo. 

Con tenda o senza? 

Forse non ti aspettavi questa domanda ed in realtà non ce la siamo posta neanche noi prima di iniziare il Salkantay Trek senza guida… perché nessuno sul web spiega che lo stesso identico percorso si può fare tranquillamente anche senza tenda!

Tenda dentro la tenda sul SalkantayI base camp che si trovano lungo il percorso infatti sono ormai super organizzati (la gente che lo percorre è tantissima tutto l’anno) e moltissimi offrono la possibilità di dormire in camere per soli 20 soles (5 € in due). 

Le stanze sono spartane, ma hanno coperte calde e un bagno esterno (raramente con acqua calda). 

Noi siamo solitamente grandi amanti del campeggio libero, ma durante il Salkantay abbiamo visto davvero pochissime possibilità. 

Al di fuori dai campi base ufficiali infatti ci sono pochissimi spazi pianeggianti e quelli che si trovano sono spesso occupati da cavalli e lama al pascolo.

Per questo motivo nei pueblos che attraverserai lungo Salkantay Trek saranno moltissime le persone del luogo che ti offriranno uno spazio pianeggiante nel loro giardino o addirittura una capanna di bambù e paglia sotto la quale montare la tenda (1€ a tenda). 

Sinceramente tornando indietro io eviterei di portarmi tutta l’attrezzatura, alleggerendo di molto lo zaino, ma se vuoi un po’ di avventura in più non te ne pentirai. 

Come fare con cibo e acqua? 

Lama dispettosoPer lo stesso motivo di cui sopra, puoi tranquillamente non sovraccaricarti di cibo: lo troverai lungo il percorso in tutti i pueblos che passerai. 

Giusto qualche snack può essere comodo per spezzare la fame (il prezzo di questi tende infatti ad essere maggiorato). 

I pranzi e le cene si aggirano invece attorno ai 3 euro a persona: il cibo è semplice, ma fatto al momento e caldo, insomma ottimo.

Se invece preferisci essere del tutto autonomo dovrai noleggiare fornelletto con gavetta e carica di gas, mentre nei market di Cusco sono presenti diversi cibi istantanei e liofilizzati (per lo più noodles e zuppe). 

Per quanto riguarda l’acqua, lungo il trek si trovano numerosi ruscelli e fonti, ma non è consigliato bere questa acqua senza prima bollirla o depurarla

Troverai comunque da comprarla con frequenza costante, per cui ti basterà viaggiare con un litro e mezzo per volta. 

È semplice orientarsi? 

Nì. Il sentiero è segnato con qualche sporadico cartello blu, ma non sono sufficienti. 

Se cerchi una mappa cartacea sappi che nessuna di quelle che troverai a Cusco, lungo il percorso o in internet sono affidabili. 

Abbiamo trovato più di un errore in tutte… e quanto abbiamo rimpianto le nostre amate Tabacco!

A seconda delle carte infatti, e in un misto molto creativo di sviste ed errori di battitura, un posto poteva avere tre o quattro quote diverse, trovarsi a pochi passi o a decine di chilometri, e non esserci del tutto. Inoltre, nelle carte sono segnati solamente i pueblos in qualche modo convenzionati con guide e tour operator: noi pensavamo ci fossero solo quelli, e abbiamo pensato le nostre tappe di conseguenza… mentre in realtà di abitati ce n’erano più del doppio!

Davide

Cartello bluSappi inoltre che per gli abitanti dei paesini che troverai lungo il percorso è praticamente una cosa da pazzi camminare tutte queste ore da un luogo all’altro, sapranno quindi indicarti la direzione, ma assolutamente non le tempistiche di percorrenza

In linea generale però è anche difficile sbagliare del tutto strada, spesso infatti il sentiero si biforca, ma quasi sempre i due rami portano nella stessa direzione.

Per preparare al meglio il Salkantay Trek ed essere sempre sicuro di non sbagliare strada, ti consiglio di scaricarti sul telefono l’app Maps me con i dati relativi  al Perù (che avrai scaricato prima di partire!) consultabili offline. Non solo sarà facilissimo orientarti, ma vedrai segnati anche tutti i base camp. 

Com’é il clima? 

Estremamente variabile! Come in tutto il Perù preparati a giornate calde e notti fredde

Clima peruvianoIl periodo migliore per il trekking va da Giugno a Settembre, quando le probabilità di pioggia sono più basse e il clima è più mite. 

Noi abbiamo percorso il Salkantay Trek in Settembre, durante il giorno eravamo in maniche corte e cappellino con frontino quando c’era sole; felpa pesante quando comparivano le nuvole; giacca impermeabile quando pioveva; piumino la sera appena calava il sole; guanti, collo e cappello di lana quando tirava vento. 

Abbiamo utilizzato tutto! 

Sappi inoltre che il Salkantay Pass (il punto più alto del percorso) fa da divisorio immaginario tra l’ambiente alpino e quello amazzonico. Dopo un paio di ore di cammino dal passo ti ritroverai infatti immerso nella foresta amazzonica, con un clima decisamente più tropicale e piovoso. 

Assicurati infine, se viaggi con la tenda, di avere dei sacchi a pelo adeguati alle temperature. Noi li avevamo da -10° e siamo stati bene, e la notte fa tendenzialmente molto freddo. 

Cosa portare nello zaino? 

Come preparare lo zaino per il trekking è sicuramente il punto più delicato per chi si appresta ad organizzare il Salkantay Trek senza guida.

A trekking concluso posso dirti con certezza che non c’è nulla di diverso da quello che porteresti in un normale trekking di più giorni, e che trovi elencato nel mio articolo.

Oltre all’attrezzatura e al vestiario di cui ti ho già parlato, assicurati di avere con te carta igienica, frontale e un collo per proteggerti da polvere e vento forte

Arrivare e partire

Come raggiungere il punto di partenza? 

Dentro al colectivoDa Cusco puoi prendere il colectivo che parte all’incrocio tra Av. Arcopata e Av. Apurimac e in circa 2 ore di buche, musica a palla e acquisti selvaggi lungo la strada arriva a Mollepata da dove inizia il trekking vero e proprio. 

I primi colectivos partono circa verso le 5 del mattino, vanno a ciclo continuo tutto il giorno e, come in tutto il Perù, iniziano la corsa solo quando sono pieni. Questa tratta è molto gettonata quindi non dovrai aspettare molto tempo dal tuo arrivo prima di partire. 

Fai attenzione al fatto che spesso gli zaini più ingombranti vengono messi sul tetto e legati con delle corde, quindi assicurati che tutto sia inserito all’interno del bagaglio e non rischi di scivolare via durante la folle corsa. 

A Mollepata il collettivo si ferma davanti alla piazza principale. L’inizio del sentiero lo troverai, superata la piazza, inforcando la strada di sinistra: dopo qualche metro troverai un cartello blu con l’indicazione della direzione. 

Come tornare a Cusco? 

Da Aguas Calientes (dove sarai alloggiato per accedere a Machu Picchu) avrai 3 alternative:

  1. Camminare fino ad Hidroelectrica lungo le rotaie del treno e da qui prendere un bus privato fino a Cusco (circa 18 euro, 7 ore di durata). 
  2. Camminare fino ad Hidroelectrica da qui prendere un colectivo fino a Santa Teresa, ce ne sono sempre già pronti a partire che tenteranno di attirare la tua attenzione appena arrivato; da Santa Teresa ne prenderai uno fino a Santa Maria e infine un ultimo fino a Cusco. Così facendo il costo complessivo è poco inferiore all’ipotesi precedente ma il viaggio risulterà molto più lungo e complicato perché dipende dalle coincidenze dei vari mezzi. 
  3. Prendere il treno da Aguas Calientes a Cusco, è l’opzione più cara, ma anche la più veloce e comoda. I treni vanno prenotati in anticipo per cercare di spuntare un buon prezzo, ma sarà in genere compreso tra gli 80 e i 120 euro a persona. 

Noi abbiamo scelto la prima opzione, prenotando online il bus.

Laguna Humantay

E’ un trekking difficile?

Premessa scontata, ma necessaria: la difficoltà è sempre soggettiva e dipende tantissimo dal tuo grado di allenamento e dalla tua preparazione.

Detto questo, per quanto riguarda la nostra esperienza abbiamo trovato il Salkantay Trek senza guida non eccessivamente duro.

La difficoltà maggiore è data sicuramente dalla combinazione di altitudine e peso dello zaino. Il dislivello non è mai eccessivo per un escursionista allenato, ma devi tenere presente che il secondo giorno, oltre ai 600 m di dislivello positivo dovrai affrontarne 2000 di dislivello negativo… non esattamente una passeggiata!

Pronto per il Salkantay Trek senza guida?

Ora che ti ho spiegato tutto quello che serve per preparare il Salkantay trek in autonomia, sei pronto per partire?

Nel prossimo articolo ti racconterò la nostra avventura!

Muli che portano i bagagli

Ci fa piacere se restiamo in contatto!

Se non lo hai già fatto, iscriviti alla newsletter di Bagaglio Leggero. Ti scriveremo solamente una volta al mese per aggiornarti sugli ultimi articoli, sulle nostre ultime avventure… e sui nostri prossimi progetti!

Iscriviti alla newsletter
* indicates required